La situazione musicale al tempo del capitale: intervista ad Alessandro Picca dei Red Riot

Proponiamo ai lettori un’interessante intervista fatta a un compagno musicista della Provincia di Salerno: Alessandro Picca (nella foto il primo da sinistra), membro della band metal “Red Riot” che ultimamente si sta facendo conoscere nell’ambiente della musica indipendente con la loro musica che varia dal rock al metal. 

Questa intervista, oltre a dare una panoramica sul mercato della musica attuale, pone una riflessione sulla capacità del capitale di estrarre plusvalore anche nell’ambiente musicale, un ambiente sempre più preda, in maniera indiretta, del pensiero unico: non è raro vedere l’uscita di tanti singoli e album di cantanti diversi ma che “suonano quasi la stessa cosa”, una cosa dovuta al mercato che ormai offre un determinato tipo di musica a un pubblico che, forse, non è più quello dei tempi di De Andrè, Gaber e altri. 

In questa intervista, inoltre, vi sono alcune proposte, che per quanto nel capitalismo non scenderanno come “la manna dal cielo”, possono essere un punto di partenza per un approfondimento sul tema. 

BUONA LETTURA. 

1) Ciao Alessandro, parlaci un po’ di te e della tua band, come e quando avete cominciato la vostra avventura musicale? 

Ciao a tutti, mi chiamo Alessandro Picca, nella musica mi conoscono come “Lexy” e sono il bassista e fondatore dei ReD RioT 

La band nasce nel 2013 ad opera mia e di JJ Riot, chitarrista. Dopo essere usciti dalla nostra prima band, attualmente siamo 5 musicisti: Fred Riot (Alfredo Maisto) alla voce, Max Power (Massimiliano Lepore) e JJ Riot (Gianluigi Quatrano) alle chitarre, Lexy Riot (il sottoscritto) al basso e Scar (Gaetano del Regno) alla batteria. 

A maggio 2015 Fred Riot sostituisce alla voce Ozy Jack, e con questa formazione nel 2016 esce il primo EP, chiamato “FIGHT“.  

Dopo aver suonato con band come DGM, Hangarvain, Giacomo Voli e Kaledon, Be/eR lascia ed entra Scar, con questa formazione nel 2017 siamo partiti per un tour europeo in 10 Stati diversi e, oltre a tantissimi live sul territorio italiano, nel 2018 è uscito il nostro primo album SEEK! KILL! BURN!” per Volcano Records and Promotion.  

Con l’Italian Raid Tour abbiamo suonato con band e artisti come Thomas Silver, fondatore degli Hardcore Superstar, e Skid Row, Riot, Domine e Furor Gallico e ovviamente non ci stiamo fermando. 

2) Di cosa parlano i vostri testi? 

I nostri testi, essendo giovani, prima di tutto parlano del disagio sociale in cui versa la gioventù di oggi; in generale parliamo del disagio, della rabbia e della repulsione verso questa società che ci costringe a sacrificare noi stessi e ad alienarci per il profitto di pochi, in tutti i campi.  

3) Quali sono i limiti di fare la musica “indy? 

Il limite di fare musica indipendente è che si diventa automaticamente “imprenditori di se stessi” e questo, in un periodo di crisi in cui il piccolo viene mangiato dal pesce grande, significa dover investire tempo e soldi nella speranza che questi ritornino: la situazione è quella di una precarietà che è tangibile e sembra non avere fine. 

4) Perché fare musica oggi è difficile per voi a differenza di gente come J-ax ? 

Oggi fare musica, per chi è povero o comunque non dispone di sostanzioso capitale, è una sfida esistenziale e sociale: bisogna mettere in conto il fatto di dover fare due o più lavori per poter investire nella band, significa, soprattutto in Italia, non essere minimamente ascoltati dallo Stato ed essere presi poco seriamente sul piano lavorativo quando, al contrario, è un lavoro che, se fatto con passione, dedizione e organizzazione, ruba moltissimo tempo, molte energie e molte ore di sonno. 

Il mercato è saturo e il tasso di sfruttamento in questo campo è altissimo perché non esistono vere e proprie legislazioni in materia, è un calderone dove non ci sono effettive tutele e sono poche o nulle le etichette che possono investire sui giovani. 

Tutto questo incide sul fatto che non si viene pagati adeguatamente per il lavoro compiuto e rende evidente che solo chi ha soldi, vada avanti, a volte a discapito totale della qualità musicale. 

5) Credi che tutto questo incida, negli ultimi tempi, sulla qualità della musica nostrana? 

Sì, decisamente, siamo passati dall’epoca di cantautori come De Andrè, Dalla, Gaber, Tenco ecc. all’epoca della commercializzazione più sfrenata, conta esclusivamente la forma commerciale e il mercato censura indirettamente tutto ciò che non si conforma a questo. 

Oggi vediamo gente come J-Ax che spara canzoni vestito da “damerino” con testi ballabili e niente più, eppure me lo ricordo ancora J-Ax quando in “Noi no” sapeva fare buona musica e parlava del disagio delle classi popolari, chissà dov’è finito quel cantante, probabilmente si sarà perso nelle televisioni e nelle interviste a pagamento… 

6) Accidenti, non le mandi a dire…  Ma dimmi, quali possono essere le soluzioni per risolvere il problema di coloro che fanno musica indipendente? 

La prima, a mio parere, è quella di formare un sindacato di artisti e musicisti in modo da non permettere lo sfruttamento selvaggio della categoria. 

Bisogna rendere il musicista economicamente un lavoro che, tramite certe certificazioni, viene considerato lavoratore a tutti gli effetti e finanziato (cosa che esiste negli stati del Nord Europa, e non a caso la musica rock e metal è rinata in quei paesi). 

Bisogna regolamentare il lavoro per poter eliminare o arginare quanto meno lo sfruttamento con misure di finanziamento di un progetto in modo da poter dare a tutti almeno l’opportunità di avviare la propria vita musicale in maniera dignitosa. 

Queste, secondo me, potrebbero essere delle prime misure per rendere quella del musicista un’attività vera e propria e per levarla dal monopolio dei ricchi, che sicuramente partono avvantaggiati. Se si arrivasse all’erogazione di un minimo mensile ovviamente regolamentato sulla base di certi parametri, perché se no chiunque potrebbe spacciarsi per musicista e lì diventerebbe parassitismo sarebbe un passo fondamentale verso il supporto pubblico all’arte e alla musica, senza che la mano invisibile del mercato renda visibili censure di generi interi. 

Benissimo, grazie per aver detto la tua compagno, buona fortuna a te e ai Red Riot. 

 

Qui sotto potete trovare il video del brano “Bang your head” dei Red Riot con annesso testo e traduzione. 

TESTO E TRADUZIONE: 

Just eighteen, and a life to live 

Walkin‘ down the streets that I’ve never seen 

I’m confused, they want me away 

Please somebody help me from my disgrace! 

 

Power forcin‘ us alone 

Dazed n’ confused since we were born 

Fight against the black machine 

Insecurity inside of me! 

 

Look n’ see not just me 

A generation that disagrees 

 

Bang your head to Revolution 

Nothing’s gonna stop me, it’s my solution 

Bang your head to Revolution 

We won’t lose it no, we won’t lose it no! 

Bang your head to Revolution 

Nothing’s gonna stop me, it’s my solution 

Bang Your Head to Revolution 

We won’t lose it no, we won’t lose it no! 

Tonight! 

 

In my life a lot of walls 

Make me strong! destroy ‘em all! 

Ideally I’d speak of love and compassion 

Actually I scream my rage n’ revulsion! 

 

Look n’ see not just me 

A generation that needs to win! 

 

Bang your head to Revolution 

Nothing’s gonna stop me, it’s my solution 

Bang your head to Revolution 

We won’t lose it no, we won’t lose it no! 

Bang your head to Revolution 

Nothing’s gonna stop me, it’s my solution 

Bang Your Head to Revolution 

We won’t lose it no, we won’t lose it no! 

Tonight! 

 

It’s just you against the whole world 

Bang your head! What are you waitin‘ for? 

 

Bang your head to Revolution 

Nothing’s gonna stop me, it’s my solution 

Bang your head to Revolution 

We won’t lose it no, we won’t lose it no! 

Tonight! 

 

Bang Your Head 

To Revolution 

Bang Your Head 

We won’t lose it no, we won’t lose it no 

Bang Your Head 

To Revolution 

Bang Your Head 

We won’t lose it no, we won’t lose it no 

We won’t lose it no, we won’t lose it no 

We won’t lose it no, we won’t lose it no 

Tonight! 

 

TRADUZIONE: 

Ho solo diciotto anni e una vita da vivere 

Cammino per strade che non ho mai visto prima 

Sono confuso, loro vorrebbero che io sparissi 

Per favore, qualcuno mi tiri fuori da questa disgrazia! 

 

Il potere ci forza all’isolamento 

Stonati e confusi fin dalla nascita 

Combatto contro questa macchina nera 

Nonostante ci sia insicurezza dentro di me 

 

Guardo e capisco che non sono solo io 

Una generazione intera dice no! 

 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia risoluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo! 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia soluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo!  

Stanotte! 

 

Nella mia vita ci sono tantissimi muri 

Devo essere forte, abbatterli tutti! 

Idealmente vorrei parlare di amore e compassione 

Adesso però posso solo urlare rabbia e repulsione! 

 

Guardo e capisco che non sono solo io 

Una generazione intera ha bisogno di vincere! 

 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia risoluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo! 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia soluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo!  

Stanotte! 

 

Ti senti solo contro il mondo intero? 

Sbatti la tua testa, cosa stai aspettando?! 

 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia risoluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo! 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Nessuno altro può fermarmi, è la mia soluzione 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Noi non perderemo, noi non perderemo!  

Stanotte! 

 

Sbatti la tua testa verso la rivoluzione 

Sbatti la tua testa! 

Noi non perderemo! Noi non perderemo! 

Sbatti la tua testa versi la rivoluzione 

Sbatti la tua testa! 

Noi non perderemo! Noi non perderemo! 

Noi non perderemo! Noi non perderemo! 

Noi non perderemo! Noi non perderemo!  

Stanotte! 

About Redazione 683 Articoli
Organo ufficiale del Partito Comunista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*