Intervista a Claudia Cernigoi: «Sulle Foibe montatura gigantesca»

In occasione della trasmissione su Rai3 del film “Red Land (Rosso Istria)”, pubblichiamo un’intervista a Claudia Cernigoi (leggi qui la sua Biografia autorizzata)

Cara Claudia,

intanto desideriamo ringraziarti per aver accettato questa intervista a La Riscossa.

Sono anni che ti batti per difendere la verità storica di quello che è successo prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale in quella terra martoriata tra Friuli e Istria.

Dapprima il revisionismo storico ha cercato di equiparare le responsabilità del fascismo e del nazismo a quelle della guerra partigiana, oggi siamo in piena ventata reazionaria, in cui le responsabilità dei carnefici fascisti vengono occultate e invece si sbandierano presunte responsabilità di chi ha sofferto l’occupazione fascista, le stragi di civili indiscriminate, e poi ha combattuto per liberare la propria terra.

Partiamo dal tuo libro del 2005, Operazione “Foibe” tra storia e mito. Già il titolo è altamente esplicativo. Le cifre sono paurosamente lievitate negli anni e soprattutto la vicenda ha assunto connotati – oltre che palesemente anticomunisti – anche nazionalisti in funzione antijugoslava. So che non è facile, ma riusciresti a darci l’idea, attraverso qualche cifra, di quanto sia enorme la “montatura” che è stata creata intorno a questo “mito”? 

La montatura è gigantesca, ormai si parla di “10.000” infoibati: vedi anche il fumetto ed il film che sfruttano la vicenda di Norma Cossetto, in cui è indicata questa cifra, ed una recente trasmissione Rai ha confermato questa cifra, che neppure Gianni Bartoli, che redasse il primo elenco di “infoibati” nel 1959 ha raggiunto (egli nomina circa quattromila persone morte tra il 1941 ed il 1947, militari e civili, che potrebbe essere una cifra attendibile). In realtà dai documenti risulta che nel settembre 1943 in Istria furono uccise tra le 200 e le 300 persone (ed un documento del federale dell’Istria Bilucacaglia, inviato nell’aprile 1945 al comandante del CVL triestino parla di 500 pratiche di indennizzo per i familiari degli uccisi dai partigiani dall’8 settembre fino ad allora). Per quanto riguarda il 1945, gli scomparsi da Trieste e da Gorizia dopo essere stati arrestati da partigiani o dalle autorità jugoslave ammontano rispettivamente a meno di 500 ed a circa 550; a Fiume i numeri si attestano intorno ai 400, e per quanto riguarda la provincia di Pola non vi sono dati certi, salvo il fatto che a Pola non vi furono “infoibati”.

Nel tuo libro “La memoria tradita” hai delineato i “fili neri” che hanno legato negli anni i vari movimenti neofascisti italiani. Ma c’è un capitolo, quello dei collegamenti tra neofascismo e Lega, che più di ogni altro oggi assume una particolare rilevanza – visto che questo partito è al governo in posizione trainante, più di quanto fosse successo coi governi Berlusconi – e neofascismo e ambienti mafiosi. Hai qualche aggiornamento o commento che vuoi fare?

La Lega di oggi è l’erede della Lega di Borghezio (che aveva fatto parte di Ordine nuovo) più che non della Lega di Bossi. Ricordo inoltre che colui che fece da apripista per la montatura sulle foibe all’inizio degli anni ’90 fu Marco Pirina, all’epoca esponente della Lega, ma che nel 1969, quale leader del gruppo neofascista Fronte Delta fu inquisito per il golpe Borghese. Oggi vediamo che i più scatenati sulla questione “foibe” ancora più che non i Fratelli d’Italia o Forza Nuova sono proprio i leghisti ed i loro pretoriani, CasaPound: Matteo Salvini ha preso posizione in prima persona sia contro la presunta censura del film su Norma Cossetto e poi contro i “negazionisti” delle foibe, assicurando la propria presenza il 10 febbraio a Basovizza: e dopo la presentazione del mio ultimo libro sui processi per le foibe triestine (“Operazione Plutone”, edito dalla Kappa Vu) a raccogliere il testimone dell’infame articolo scritto sull’argomento da Fausto Biloslavo è stato subito il “governatore” leghista, Massimiliano Fedriga, che oltre a tacciarmi di “negazionismo” paragonandomi a coloro che negano la Shoah, ha concluso dicendo che a gente come me andrebbe impedito di parlare. Le foibe sembrano essere diventate la nuova frontiera della Lega.

È di questi giorni la presa di posizione, non solo di esponenti dei partiti di destra – e questo ce lo si poteva aspettare – ma c’è stata anche una levata di scudi da parte di importanti esponenti del PD, a comincaire dall’ex presidente della Regione FVG, Serracchiani, che ha trinciato giudizi politici e storici. Vuoi fare un commento sulle posizioni di questo partito a proposito non solo di memoria storica, ma anche di politica estera (come per esempio il Venezuela oggi, ma anche l’Ucraina ieri), politiche industriali (TAV, ILVA), ecc.? Come si barcamenano quelle associazioni, come l’ANPI, in questi frangenti?

Il recente comunicato dell’ANPI nazionale che ha “sconfessato” e preso le distanze non solo dal commento dell’ANPI di Rovigo che parlava di foibe come invenzione fascista e della foiba di Basovizza come falso storico (cose peraltro esatte, anche se espresse in modo un po’ tranchant), ma anche dall’iniziativa del Comitato antifascista e per la memoria storica di Parma, che prevede l’intervento di Sandi Volk sui riconoscimenti agli “infoibati” (dai suoi studi risulta chiaramente che a ricevere il diploma sono soprattutto militari e collaborazionisti), nonché un video di Alessandra Kersevan su Basovizza ed uno mio su Norma Cossetto, nei quali illustriamo il risultato delle nostre ricerche, è veramente grave. La presidente Carla Nespolo ha asserito che queste iniziative non sono condivisibili perché danno spunto a polemiche. Non so se Nespolo conosce i nostri studi, ma anche non li conosca, ritenere che parlare di storia smentendo la vulgata corrente (purtroppo avallata anche da settori del PD, come Serracchiani che si è schierata assieme a Fedriga contro i “negazionisti”) sia dare adito a polemiche dimostra un’apertura mentale davvero ristretta. Cedere sui principi, isolare chi è già preso di mira con intimidazioni e minacce per il suo lavoro di informazione, non è un comportamento che mi aspettavo dall’associazione erede dei partigiani comunisti e socialisti.

Ti ringraziamo sentitamente e ci auguriamo che questa collaborazione col nostro giornale continui fruttuosa.

Per intanto ti auguriamo buon lavoro

Consigliamo la lettura della recensione di Claudia Cernigoi del film Rosso Istria dedicato alla fascista Cossetto: http://www.diecifebbraio.info/2018/12/5235/

About Redazione 588 Articoli
Organo ufficiale del Partito Comunista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*