Solidarietà con la lotta degli operai petroliferi in Kazakhstan

In Kazakhstan continuano le gravi violazioni ai diritti sindacali e lavorativi, e la repressione contro gli attivisti sindacali. Tutti noi ricordiamo i sanguinosi eventi di Zhanaozen nel dicembre 2011, quando la polizia sparò contro gli operai scioperanti e civili disarmati. Decine di morti e centinaia di feriti, molti sono stati condannati a varie pene detentive.

La storia si ripete, le attività della Confederazione dei Sindacati Indipendenti del Kazakhstan (KNPRK) è vietata. Gli attivisti sindacali e membri di questo sindacato nella compagnia petrolifera “Oil Construction Company” del Kazakhstan occidentale, che hanno avviato uno sciopero e lo sciopero della fame contro questo divieto illegale, sono stati licenziati, portati davanti ai tribunali penali e amministrativi, hanno subito grosse multe.

Con l’accusa di convocare uno “sciopero illegale” e lo sciopero della fame, Nurbek Kushakbayev, vicepresidente della KNPRK, è stato condannato a 2 anni e mezzo di carcere e a una multa di 80.000 dollari. Il presidente del sindacato nella “Oil Construction Company”, Amin Eleusinov è ancora sotto processo.

Queste persecuzioni sono il risultato dell’adozione nel 2014 della nuova legge “sui sindacati”, le cui regole sono state riconosciute dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL) come incompatibili con numerosi patti e accordi, l’adozione dell’antioperaio Codice del Lavoro nel 2015, così come gli articoli del Codice penale che puniscono l’organizzazione degli scioperi, così come la chiamata e la partecipazione ad essi, perché promuovono la “discordia sociale”.

Noi, partiti comunisti e operai, dichiariamo la nostra solidarietà con gli operai petroliferi del Kazakhstan nella loro lotta per i diritti sindacali e lavorativi.

Chiediamo alle autorità del Kazakhstan l’immediato rilascio, di chiudere i procedimenti penali e la liberazione degli arrestati!

L’attività sindacale non è un crimine!

Lo sciopero non è un crimine!

Stop alla repressione dei sindacalisti in Kazakhstan!

Partiti firmatari della dichiarazione:

  1. Partito Socialista dei Lavoratori di Croazia
  2. Partito Comunista Tedesco (DKP)
  3. Partito Comunista di Grecia
  4. Partito dei Lavoratori d’Ungheria
  5. Partito Comunista del Kurdistan-Iraq
  6. Partito Comunista Iracheno
  7. Partito dei Lavoratori d’Irlanda
  8. Partito Comunista (Italia)
  9. Movimento Socialista del Kazakhstan
  10. Partito Comunista di Malta
  11. Partito Comunista Filippino (PKP-1930)
  12. Partito Comunista di Polonia
  13. Comunisti di Serbia
  14. Partito Comunista di Turchia
  15. Partito Comunista d’Ucraina

Elenco in aggiornamento

About Redazione 587 Articoli
Organo ufficiale del Partito Comunista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*