Partito Comunista a congresso. Rizzo confermato segretario

Si è concluso il 2 congresso del Partito Comunista a Roma. Approvati a larghissima maggioranza il documento politico, le modifiche allo statuto e al regolamento finanziario. Confermato all’unanimità nella prima riunione del nuovo Comitato Centrale, Marco Rizzo come segretario generale del Partito.

Un congresso di due giorni che ha l’ambizione di imprimere una forte accelerazione alla costruzione del Partito, a partire dal radicamento nei luoghi di lavoro e al contributo dei comunisti alle lotte. Si ufficializza infine l’ultima tappa del lungo processo che porta all’unità politica del Partito Comunista con i giovani del Fronte della Gioventù Comunista, già votato lo scorso dicembre al congresso del FGC, e ufficialmente fatto proprio anche dal Partito.

Molti gli argomenti e le questioni affrontate nei giorni del congresso, su cui Riscossa darà ampio spazio in questa settimana (per la cronaca dei lavori del congresso). La prima sessione è stata aperta dalla relazione del compagno Mustillo a nome dell’Ufficio Politico, che ha illustrato le tesi congressuali e gli ultimi emendamenti al documento. Mustillo ha iniziato il suo intervento con un’analisi generale sull’approfondimento della crisi e delle tensioni internazionali, illustrando la posizione del Partito sulla vittoria di Trump, sulla Brexit, mettendo questi avvenimenti in relazione con la competizione tra potenze. Ha evidenziato come le politiche di attacco ai diritti dei lavoratori e alle condizioni salariali siano lo strumento con cui il capitale tenta di reagire alla crisi, con conseguente polarizzazione della ricchezza. Ha relazionato sull’esito del referendum e sulla situazione politica italiana, terminando il suo intervento su questioni relative all’organizzazione del Partito e alle responsabilità che hanno i comunisti in questa fase.

La discussione ha registrato oltre 60 interventi dei delegati. Centrale la questione della strategia sindacale. Il Partito Comunista conferma la sua posizione di critica serrata alla linea dei sindacati confederali, con un giudizio netto sulla irrecuperabilità della CGIL e sul suo asservimento alle politiche filo-padronali. È stato ricordato come l’accordo del 10 gennaio, accettato anche da una parte del sindacalismo di base, rappresenti un ostacolo alle lotte e una grave accettazione delle politiche volute da padroni e governi da parte della maggioranza dei sindacati. I comunisti confermano la loro volontà di contribuire in prima linea alla costruzione del sindacato di classe in Italia, valutando positivamente i passi in avanti che vengono da CUB e SGB in questa direzione.

Negli interventi grande importanza è stata data alle questioni internazionali, confermando la linea del Partito e il legame con l’Iniziativa dei Partiti Comunisti ed operai d’Europa. Presenti le delegazioni del KKE (Grecia) e del PCOR (Russia), con decine di messaggi inviati da tutto il mondo. Nella sessione pubblica hanno inoltre partecipato le rappresentanze diplomatiche di Cuba, Corea del Nord, Venezuela, Nicaragua. L’intervento dell’Ambasciatrice cubana è stato preceduto dal ricordo commosso di Fidel Castro, con un minuto di silenzio ed un grande applauso tributato dai delegati presenti.

Ma il congresso del PC si è occupato anche di altre questioni. Importante la riflessione sull’agricoltura e la costituzione di un gruppo di lavoro, per garantire l’azione dei comunisti e la denuncia delle politiche europee. Stessa cosa per quanto concerne la sanità, la questione femminile e la condizione delle donne proletarie italiane, la condizione dei giovani. Molto applaudito l’intervento di Mauro Riccioni, sindaco comunista di Gagliole, piccola cittadina delle Marche in piena emergenza terremoto e neve, che ha denunciato i ritardi e le inefficienze nell’assistenza post-terremoto.

Alla sessione pubblica è stato portato il saluto dei lavoratori di Almaviva, con un intervento che ha denunciato quanto accaduto in questi mesi. Presenti in sala a portare il loro saluto anche Antonio Ferrari della CUB, e Massimo Betti di SGB. Lorenzo Lang, segretario del FGC, nel suo intervento ha rimarcato l’importanza dell’azione comune tra Partito Comunista e FGC, rivendicando i passi avanti operati dal FGC e la necessità di costruire una forte organizzazione giovanile che sappia dare risposte in questo momento di crisi alle nuove generazioni proletarie, nei luoghi di lavoro, nelle scuole, nelle periferie.

Nella sua relazione finale Marco Rizzo ha evidenziato l’enorme peso della disuguaglianza sociale nel mondo di oggi, il controllo capillare che il capitale ha delle nostre stesse esistenze. La vittoria di Trump diviene paradigma di un ingresso diretto di settori del capitale nella gestione degli Stati, senza più l’interposizione da parte delle forze e delle figure politiche tradizionali che pure a quegli interessi sono asserviti. Dal compagno Rizzo una riflessione critica anche sulla Cina, sulle parole di Xi Jimping sulla globalizzazione e il richiamo alla posizione del Partito Comunista in merito alle questioni internazionali, dalla UE all’euro. Durissima critica alle posizioni della destra populista, da Salvini alla Le Pen sul tema dell’immigrazione, ricordando la funzionalità della divisione di classe alla difesa del potere del capitale, rivendicando come unica soluzione alle contraddizioni oggi in atto un sistema socialista, di libera cooperazione, fondato sulla distruzione dei rapporti imperialistici. Rizzo ricordando il centenario della Rivoluzione d’Ottobre, ha concluso rivendicando l’esperienza storica del socialismo, la sua attualità e necessità nel mondo di oggi.

L’ultima sessione è stata dedicata ali nuovi organismi dirigenti. Il Partito aderendo ad una scelta presente nel documento congressuale, ha eletto organismi riestretti valorizzando allo stesso tempo una larga partecipazione attraverso commissioni di lavoro. A largissimo maggioranza è stato votato il nuovo Comitato Centrale, la commissione di garanzia. Al termine del congresso la prima riunione dei nuovi membri del CC a scrutinio segreto ha riconfermato all’unanimità Marco Rizzo come Segretario Generale del Partito e Canzio Visentin come tesoriere, riconvocando la prossima riunione del comitato ad inizio del prossimo mese per la costituzione dell’UP e delle commissioni di lavoro, e per le prime nuove attività politiche. Intanto una delegazione del Partito è volata a Bruxelles per la riunione dei partiti dell’Iniziativa Europea.

About Redazione 474 Articoli
Organo ufficiale del Partito Comunista

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*